Advertisement
Variatore nuovo, Intervento del grande SABBA Stampa E-mail
Scritto da Cabris   
martedì 10 giugno 2008
Ecco il racconto della nostra fanciulla Cabris

Un anno e mezzo fa, quando mi affacciai a questo forum per la prima volta presentandomi, mi arrivò un avvertimento immediato da Roma (poi scoprii che era del Capo) in cui mi si avvertiva, vista la vicinanza, dal guardarmi da un certo Sabba da Castenaso, diabolico appassionato di meccanica ed assatanato da trasformazioni ed alchimie sui motori. Tranquillizzai il saggio StevenB rassicurandolo che lo avrei tenuto alla larga dal mio garage e dal mio Silver ‘che …immacolato doveva restare!!!
Conobbi presto il misterioso personaggio che, sin dal primo incontro, prendendola alla lontana mi parlava ci certe “migliorie” che si potevano apportare al Silver.
Leggevo le sue ricette sul forum (una soluzione per ogni questione gli venisse posta), i suoi consigli, i suoi test, le sue prove descritte meticolosamente e con professionalità.
Ho conosciuto la sua generosa disponibilità, nel bel mezzo di una domenica d’estate, nel darmi per telefono la diagnosi mirata ad un problema di spia che si era accesa.
Ultimamente gli avevo confidato d’aver preso in considerazione il suo suggerimento di sostituire il variatore perché mi serviva più potenza per star dietro a moto di grandi cilindrate nei miei innumerevoli viaggi e raduni motociclistici.
Leggo il suo articolo sulle migliorie per trasformare il Silver in un mezzo dalle prestazioni eccezionali. Io non devo arrivare a tanto, ma un pochino occorre aiutare il mio Silver a star dietro alle grandi moto da turismo, anche in previsione del prossimo viaggio sul Bernina.
Mi consiglia il variatore della Molossi, offrendosi di sostituirlo operando personalmente sul mio Silver. Per me un onore grande.
Io procuro il kit Molossi e stamattina Sabba mi telefona invitandomi ad andare da lui a sostituire il variatore.
Lavo il Silver (che dopo il mio ultimo viaggio aveva fatto i fanghi) ed arrivo con il motore ancora gocciolante. Mi invita ad assaggiare per l’ultima volta l’accelerazione del mio motore prima della cura per confrontarla, un’ora dopo, a variatore sostituito.
Consegno il Kit, che viene approvato (meno male che non avevo sbagliato l’acquisto!) ed entro nel suo garage attrezzato, dove ogni cosa è al suo posto e tutto è a portata di mano. Organizzazione rigorosa.
Rapidamente, vite dopo vite, vengono smontati, con gesti sapienti e misurati, i coperchi che nascondono il cuore della trasmissione del mio Silver. Non avevo mai visto quanto sia ben fatto il pupo, (un Honda è un Honda!) i pezzi in fusione sono perfetti, una volta eliminato il leggero strato di polvere che si era accumulata.
Sabba smonta frizione, cinghia e variatore originale e ad ogni bullone svitato fa seguire le sue osservazioni tecniche. (Sabba è capace di leggere la storia del motore da come è stata serrata una vite!)
Poi, dopo aver aperto la confezione del Molossi, va a prendere una bilancina di precisione, una di quelle elettroniche che usano alla De Bears di New York o di Amsterdam per pesare i diamanti e le pietre preziose: non si fida della Molossi e va a pesare tutti i rulletti di acciaio e relativi involucri di plastica. Ne trova 2 che pesano rispettivamente un decimo di grammo in + ed un decimo di grammo in – (penso che neanche un capello corto e canuto raggiunga quel peso!) ma secondo il Maestro occorre posizionare i 2 rulli incriminati in modo che, una volta in azione, queste differenze si annullino.
Vi posso assicurare che durante questa operazione Sabba ha goduto più volte!
Il variatore sarebbe già pronto per essere montato ma prima il Maestro spruzza una sostanza protettiva su ogni singolo pezzo spalmando uniformemente la giusta dose.
Pulisce a nuovo la frizione, usando anche la carta vetrata, poi spreme da un tubetto un grasso nero che va a lubrificare e proteggere certe parti strategiche. Ogni operazione è accompagnata dal racconto del perché e del percome si eseguono determinate operazioni: solo Sabba riesce a coniugare la poesia piena di passione con la meccanica.
Si comincia a montare frizione, cinghia e variatore serrandoli con l’avvitatore ad aria compressa sapientemente dosata: inizialmente un serraggio leggero, poi più forte fino a raggiungere il massimo. Dovevate vedere la soddisfazione sul viso di Sabba, alla prima accensione. Bene, la cinghia si è ben posizionata, tensione perfetta, si possono richiudere i coperchi che avevamo pulito in precedenza dopo aver sostituito il filtro del variatore con filtro rosso nuovo. Ogni bullone nella propria sede, avvitata con la corretta pressione manuale.
Il primo giro di accelerazioni è il suo: la luce che brilla negli occhi di Sabba sono l’espressione del suo sublime godimento.
Dopo le raccomandazioni, sta a me provare: Ho un altro motore!!! E’ una scheggia!!!
Saluto e ringrazio l’amico che oltre ad aver dedicato tempo al mio motore, mi ha dato una bella lezione di eccellenza nella meccanica e di passione che viene direttamente dal cuore…e questi sono ingredienti rari e preziosi che pochi sanno trasmettere.
Poi percorro i 12 km che mi separano dall’ufficio: confesso che di meccanica non me ne intendo proprio ma ho subito sentito la scioltezza e la ripersa rapida del mezzo. Il rumore del bicilindrico molto armonioso. In città ho notato “il guizzo” che prima non aveva: utilissimo per togliersi d’impaccio anche da certe situazioni di pericolo. Stasera in autostrada ho chiesto e lui mi ha dato: in un attimo è volato leggero a 160.
La stagione è alle porte e i grandi viaggi che ci aspettano saranno moooolto più piacevoli. Vi racconterò.
All'inizio vi dicevo che ….avrei tenuto Sabba alla larga dal mio garage…infatti son finita nel suo!!!
Grazie zio Sabba.

 
Pros. >